fbpx
  • English

ARTINCIRCO FESTIVAL

Festival Internazionale di Circo Contemporaneo e Arti Performative

“Vorrei raccontarti di quanto sono stata felice in questi giorni. Delle emozioni che mi ha dato questo Festival, delle lacrime dal tanto ridere e di quelle di commozione. Uscire dal mio piccolo mondo fatto di certezze, orari, regole e vestiti puliti. E trovarmi in un sogno, dove nessuno guarda se hai le scarpe lucide o infangate, se hai peli di gatto sulla giacca o le unghie rovinate. Qui le persone ti guardano negli occhi, vedono solo quello che c’è dietro, non ti giudicano se non sei perfetta. Vorrei raccontarti degli artisti che ho conosciuto solo per poche ore, ma che quando sono partiti ci siamo salutati come vecchi amici, che forse non rivedremo mai più, ma ricorderemo sempre, perchè hanno lasciato il segno. Li guardavo saltare e fare acrobazie con lo stupore di una bambina. E chissà se quella bambina avesse avuto l’opportunità cosa avrebbe fatto… E poi volevo raccontarti di quanto mi sono divertita a partecipare nel mio piccolo alla parte che riguarda lo staff, portando volontari (Angelo, Eugenia, Sara) procurando il registratore di cassa gratuito, tenendo la prevendita dei biglietti in negozio, facendo da sponsor, e rendendomi utile in cucina, ai laboratori del mattino, o solo a strappare biglietti all’entrata del circo. Poi sono passati 12 giorni e puff…tutto finito. Si ritorna alla realtá, alle lavatrici, ai colloqui con gli insegnanti, al commercialista e alle scarpe pulite. Il tendone smontato non l’ho ancora visto e non vorrei vederlo, un po’ di malinconia mi bagna gli occhi, mi piace sognare di mollare tutto e cambiare vita, ma mi risveglio in fretta, devo chiamare il giardiniere a potare le siepi del giardino. Già, il giardiniere che al festival era il pizzaiolo”.
Grazie a tutti i volontari, agli artisti, ai sostenitori e amici che rendono possibile ARTinCIRCO FESTIVAL.

LO AMIAMO…LO SOSTENIAMO!

Comprando il l’Abbonamento contribuirete a mantenere la qualità e la varietà della programmazione proposta!

Sosteniamo la Cultura per tutti: ARTinCIRCO FESTIVAL propone al suo pubblico, sempre più numeroso, un appuntamento con giochi, laboratori, concerti e spettacoli dal vivo di livello internazionale.

Come Sostenere il Festival

Bonifico Bancario

  • CAUSALE: Erogazione liberale
  • BANCA: BANCA ETICA
  • IBAN: IT30I 05018 02400 00001 6884678
  • INTESTATO A: ARTinCIRCO A.P.S.S.D.

Per le Attività Commerciali

Erogazione liberale alla nostra A.P.S. deducendo il 10% del reddito complessivo delle erogazioni liberali dichiarate.

Acquisto in prevendita di slot biglietti scontati degli spettacoli per i dipendenti dell’azienda.

Per le Persone Fisiche

Erogazione liberale alla nostra A.P.S. deducendo l’intera donazione dall’IRPEF, fino al 19%.

Sostieni uno stile di vita attivo per migliorare la qualità della vita di tutti.

 

– Passa una giornata all’aria aperta con il Festival e vieni in bici: usa le nuove piste ciclabili per raggiungerci. Puoi contare sui parcheggi per le bici che troverai di fronte al Municipio.

– Puoi arrivare in treno alla stazione di Ozzano dell’Emilia e fare una passeggiata di 10 minuti nel verde per raggiungere il festival.

– Ozzano dell’Emilia è servita da Autobus di linea: Linea 101, 94 e in tarda serata dalla Linea 19. La fermata si chiama Ozzano ed è a 50 m. dal festival.

ARTinCIRCO TUTTO L’ANNO

 

Al di là del Festival l’Associazione ARTinCIRCO sviluppa un progetto culturale sull’Unione dei Comuni Savena-Idice ed in particolare sul Comune di Ozzano attorno a tre tematiche:

  • Formazione: ARTinCIRCO propone da sette anni corsi di circo ludico-educativo presso le palestre Minghetti di Ozzano dell’Emilia da ottobre a maggio.
  • Per il sociale: in partenariato con i servizi sociali del Comune di Ozzano dell’Emilia, ARTinCIRCO mette a disposizione corsi gratuiti annuali di circo ludico-educativo per i ragazzi di famiglie meno abbienti.
  • Per le scuole: in partenariato con l’Istituto Comprensivo di Ozzano dell’Emilia, ARTinCIRCO accompagna una classe delle primarie durante tutto il quinquennio attraverso un percorso di formazione sul lungo periodo che propone il circo ludico quale sport non competitivo per sviluppare le capacità psico-motorie dei ragazzi.